1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario

Villa — Mare, Costa Toscana

  • Rif. ITO1871

  • Trattativa riservata
  • Monte Argentario

Villa — Mare, Costa Toscana

Trattativa riservata

Villa padronale e varie dependance con accesso esclusivo su una spettacolare e lunga porzione di spiaggia attrezzata dell’Argentario. Residenza esclusiva comprendente un corpo principale e diverse dependance così composto:

Tutti i corpi sono collegati da un unico giardino su più livelli. Villa Padronale di due piani: piano terra: doppio ingresso, salone triplo, pranzo cucina disimpegno, bagno ospiti, ripostiglio, terrazzo e giardino piano primo: 4 camere, un guardaroba, 4 bagni, ingresso autonomo, terrazzo prima dependance a destra dal mare: composta da 2 livelli: piano terra: 2 box e piazzale parcheggio piano primo: miniappartamento con soggiorno, cucina, bagno, ripostiglio, terrazzo Locale caldaia seconda dependance a destra dal mare: composta da stanza con bagno prima dependance a sinistra: composta da 4 livelli livello mare: rimessaggio per barche fino a dimensioni dell’ordine di 30 piedi, ampia cubatura e altezza. Argano, vasche per motori fuoribordo e scivolo a mare. Livello 1: due appartamenti indipendenti e lavatoio con bagno, locale caldaia e stenditoio.

Primo appartamento composto da: 2 camere, bagno con doccia e piccolo guardaroba, due terrazzine sul mare. Secondo appartamento (sul retro) composto da: soggiorno con angolo cottura, camera, bagno con vasca, Livello 2: Grande terrazza sul mare, giardino, cucina, camera da pranzo, Livello 3: miniappartamento con soggiorno, cucina, bagno, terrazzo Spiaggia attrezzata di 150 m Pontile con pescaggio in testa di 3m, 3 piattaforme. 2 accessi dalla strada di cui uno carrabile.

La descrizione tecnica non può rendere la bellezza e l’esclusività di una simile proprietà, meglio descritta da uno scrittore (L.G. per motivi di riservatezza), ospite fisso di questa residenza, che ha dedicato un racconto privato a questa proprietà che qui di seguito riportiamo integralmente:

DI L.G.

""L’alba. Mi piace guardare il sole sorgere dritto di fronte a me, dall’altra parte della baia. Spunta improvviso e puntuale dietro la collina e si allunga ad accendere il mare fino ai miei piedi, ben saldi sulla scogliera. Loro dormono ancora tutti. Io no, non lo faccio quasi mai. Attendo che escano dalle loro stanze e mi raggiungano per colazione. E’ un momento bellissimo. Ci troviamo tutti nella sala da pranzo esterna, affacciata sulla grande terrazza sul mare di cui vado tanto fiera. Ognuno annuncia il suo programma per la giornata grato a chi è già andato in paese a comprare giornali e cornetti per tutti. I bambini scendono a mare, si infilano veloci nel rimessaggio e ne escono armati di canotti e barchette a remi che lasciano scivolare in acqua. Tra gli adulti, qualcuno va a fare la spesa preferibilmente via mare: il gozzo già attende al pontile. Fa caldo ma l’impianto di irrigazione ha fatto il suo lavoro. Il giardino e le mie piante sono a posto ed io mi sento fresca e pronta per la lunga giornata. Il mare. E’ parte integrante del mio essere unica. Lambisce le mie fondamenta e mi solletica sulla spiaggetta e sui moli di cemento. L’acqua, pulita e limpida, mi permette di distinguere anche dall’alto la vita sotto la superficie. Sabbia, sassolini, scogli, pesci, polpi, ricci, stelle marine. A volte, ed in certi orari, si fanno vedere anche le murene. Uno spettacolo che non mi stanca mai. Loro vivono intensamente la mia parte acquatica e questo mi rende orgogliosa. C’è chi pesca, chi legge steso sui lettini, chi chiacchiera, chi riceve gli ospiti che arrivano sempre piuttosto numerosi da terra o in barca. C’è chi nuota, chi gioca, chi insegna nuovi esercizi al cane, chi si unge di crema, chi parla ininterrottamente al telefono e chi pensa. Qualcuno scrive. Li seguo tutti con attenzione. La campana. Suona: è ora di pranzo. Loro hanno fantasia e inventiva. Il rimessaggio diventa una sala par banchetti ed il tavolo da ping pong, debitamente vestito di una tovaglia fatta cucire su misura, si trasforma in una tavola apparecchiata con molti, molti coperti. Fiori e decorazioni (a volte bizzarre ma discrete) non mancano mai. Bastano pochi rintocchi e arrivano tutti. E’ sempre una festa. Un’allegra processione si srotola su e giù per le mie scale. Grandi ceste di vimini vengono portate dalla cucina piene di piatti colorati, invitanti ed estivi, prevalentemente. Loro tuttavia per tradizione (le cui origini sono misteriose) a ferragosto mangiano, tra l’altro, polenta e panettone. Curioso, certo ma vi assicuro che nessuno degli ospiti ha mai disdegnato! …Frutta, caffè e gelato. Quindi “pennichella” o, per i più audaci, nuotata o uscita in canoa. I più metodici, invece, nella pineta del mio giardino, raccolgono pinoli che sbucciano con precisione chirurgica onde poi farne un profumatissimo pesto. I bambini, giovani pirati, perseverano nella battaglia navale cui partecipano anche i piccolissimi seduti sul fondo degli scafi e bardati di braccioli. L’ombra. Nel tardo pomeriggio il sole si sposta alle mie spalle. Cambiano i colori ma cresce l’atmosfera. E’ la stessa, immagino, che ha respirato Guelfo Civinini, antico proprietario del poggio su cui mi trovo, insieme a Gabriele D’Annunzio, suo ospite abituale. Scusate la vanità! Tornando a questioni più attuali, è il momento della giornata in cui qualcuno fra Loro (solo quelli con la pressione che lo permette!) si concede una sauna. Li aspetto sul bordo della vasca. Mi divertono le loro facce, stravolte dal caldo quando escono, e contratte dal freddo appena si immergono nell’acqua ghiacciata. La terrazza. Al tramonto siamo tutti qui, insieme. Aperitivi, musica di sottofondo, “mises” più o meno eleganti. Andiamo a cena. Altra tavola lunghissima, altro pasto non esattamente veloce. Che bello! Li ascolto raccontare, ricordare, immaginare: li guardo vivere. Mi vivono. Poi i bambini a nanna, i grandi ancora no. Chi non esce sa comunque come trascorrere la serata. Così con Loro, presi singolarmente, a due a due o a gruppi variabili, ho giocato a carte fino a notte fonda (non sono mancate teste coronate), ho ballato, cantato, festeggiato. Ho riflettuto sulle vicende umane, ho cullato tre generazioni, ho cambiato molte cose, ho accolto nuovi amici e salutato chi non è tornato. Ho organizzato matrimoni, programmato viaggi, ho fatto dell’ironia e ho riso, soprattutto ho riso. Conosco molti segreti (che tali rimarranno). Una vita, la mia, non sempre facile forse ma felice di sicuro. La notte. La quiete assoluta. Solo le stelle ed il leggero sciaquettìo delle onde. L’inverno. Loro mi vengono a trovare spesso. Nei fine settimana, a Natale, Capodanno e ogni volta che possono. Quando non ci sono mi mancano ma non sono gelosa: se vanno via avranno una buona ragione e se poi tornano sempre da me anche! Nei mesi più freddi la vita qui è più “interna” ma altrettanto movimentata e piacevole. Il liquido del termosifone circola tra le mie mura come sangue nelle vene riscaldando gli ambienti ed il cuore. Il menu diventa adeguato alla stagione (polenta e panettone) e la carne cotta alla brace diffonde in giardino l’odore tipico dell’amicizia. Il maestrale, si fa più insistente e sfiora il mio profilo con forza solenne. Il mare balla al vento in una danza sensuale. Le onde coprono la spiaggia e le piattaforme ed entrerebbero nel rimessaggio ma Loro mi proteggono con apposite assi di legno applicate al portone. La salsedine, di tanto in tanto, arriva alle finestre dei salotti ricamando i vetri di leggeri pizzi bianchi. E’ suggestivo ed è parte della mia natura. Bene, questo è quanto. Ho passato l’intera notte a raccontarvi di me. Alzo gli occhi: è l’alba. Il sole esplode a est ed è caldo. E’ l’inizio di una nuova estate e di un nuovo giorno. Devo andare ad occuparmi di Loro ed aiutarli a crescere e migliorare, a vincere battaglie ed esaudire sogni perché li amo come loro amano me. Tutto il resto è un dettaglio."

    Prossimità

    • Aeroporto 150 km
    • Autostrada 11 km
    • Mare 100 metri

    Servizi

    • Parcheggio coperto

Galleria

1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario
1 14 Monte Argentario

Nessuna informazione disponibile

  • Rif. ITO1871
  • Superficie totale: 1000 m²
  • 12 camere
  • 11 bagni
  • Superficie giardino:1000 m²
  • Prestazione Energetica

    EPI (Non rinnovabile)310

    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

    Grazie alla nostra newsletter sarai sempre aggiornato sulle nuove proprietà e i servizi di Palazzo Estate.

    Abbonarsi alla newsletter

    Proprietà simili